Assemblea dei Delegati

9 marzo 2018 Auditorium Unipol Banca, Via della Costituzione 2, Bologna dalle 9.00 alle 13.30

Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

comunità e persone

giovedì 27 giugno 2013

A Ferrara l'evento conclusivo del progetto Coop.Housing

Giovedì 27 giugno dalle 17.30 negli spazi del Camelot Café al Parco Urbano

Si svolgerà domanim giovedì 27 giugno a partire dalle 17.30 – negli spazi del Camelot Cafè all’interno del Parco Urbano di Ferrara, in via Bacchelli – l'evento di chiusura del progetto Coop.Housing. Si tratta di un progetto per facilitare l’accesso all’alloggio dei cittadini immigrati,  anche con il coinvolgimento della popolazione locale, per stimolare la coesione e il senso di comunità nei quartieri. Le attività sono state finanziate con Fondi Europei e del Ministero dell’Interno e realizzate da Legacoop Emilia Romagna con il coordinamento tecnico della cooperativa sociale Camelot Officine Cooperative di Ferrara, in collaborazione con 6 cooperative di abitanti e 4 cooperative sociali delle provincie di Bologna, Ferrara, Parma, Modena, Ravenna (con la partnership del Comune di Parma).

Nel corso del progetto, che ha visto il coinvolgimento di oltre 800 cittadini, immigrati e autoctoni, sono stati attivati 132 sportelli mobili, in 105 si sono rivolti al numero verde appositamente istituito, 43 nuclei famigliari, prevalentemente a Parma e in misura minore a Ravenna, hanno fatto richiesta di entrare nelle cooperative di abitanti o di alloggio.

A Bologna e Ferrara le comunità più interessate sono state quelle di Pakistan, Bangladesh, Marocco; a Parma prevalgono Senegal, Costa d’Avorio, Camerun; a Modena, Ghana e Nigeria; Ravenna ha registrato il maggiore interessamento dalla comunità proveniente dal Senegal.

«I problemi più ricorrenti – osserva Eris Gianella, della cooperativa Camelot – sono principalmente di natura economica: per molti è difficile pagare la quota contributiva per diventare soci delle coop di abitanti. Per questo si ipotizzano nuovi strumenti sociali e finanziari che facilitino l’accesso. Inoltre, si è rilevata una scarsa conoscenza dei servizi disponibili sul territorio e talvolta problemi di convivenza con i cittadini autoctoni che ci hanno spinto a rafforzare le attività di mediazione coinvolgendo la cittadinanza e le associazioni dei migranti».

L’evento di chiusura del progetto – che è stato finanziato per 232.000 euro dall’Unione europea, per 34.000 euro dal Ministero dell’Interno, per 43.000 da Legacoop Emilia-Romagna – vedrà la proiezione di un breve documentario dal titolo “Coop. Housing. Una casa per Abdou”. Seguirà la tavola rotonda “Immigrazione, cooperazione, comunità: quali risposte?”, a cui parteciparanno Alfredo Bertelli (sottosegretario alla Presidenza della Regione Emilia Romagna), Paolo Cattabiani (presidente di Legacoop Emilia Romagna), Andrea Benini (presidente di Legacoop Ferrara) e l’assessore ai Servizi alla persona e Immigrazione del Comune di Ferrara, Chiara Sapigni.

L'iniziativa prevede la presenza di Anna Baldoni (presidente di Camelot - Officine Cooperative) e di Eris Gianella, che ha curato il coordinamento tecnico del progetto in collaborazione con Roberta Trovarelli, di Legacoop Emilia Romagna. La giornata si concluderà con un buffet multietnico fornito dal ristorante africano Baobab di Migliarino.