Assemblea dei Delegati

9 marzo 2018 Auditorium Unipol Banca, Via della Costituzione 2, Bologna dalle 9.00 alle 13.30

Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

relazioni

martedì 22 aprile 2014

Il cooperativismo italiano protagonista in Brasile

Dal 10 al 16 aprile l’Università Metodista  di San Paolo (Brasile) ha ospitato una delegazione di esperti di Legacoop, con la finalità di conoscere  l’esperienza della cooperazione emiliano-romagnola, considerata universalmente un modello di riferimento del cooperativismo.


Una settimana di seminari rivolti a vecchi e nuovi cooperatori, a rappresentanti degli enti di appoggio alla cooperazione, a studenti e insegnanti dell’università e a rappresentanti di enti pubblici, per approfondire come nasce e si sviluppa in Italia una cooperativa, quali sono le caratteristiche distintive, gli aspetti organizzativi, normativi e fiscali, l’esperienza della cooperazione sociale.


Hanno partecipato all’iniziativa Roberta Trovarelli, responsabile promozione cooperativa di Legacoop Emilia Romagna e Andrea Benini, presidente di Legacoop Ferrara. Hanno partecipato, inoltre, Roberto Genco, Direttore Ufficio legale e contratti di Coopfond, e Giuliano Nicolini, esperto di management e organizzazione.


L’iniziativa, che ha visto l’appoggio della Prefettura di Sao Bernardo do Campo e della centrale cooperativa brasiliana Unisol, fa parte del “Programma Brasil Proximo” nato dall’accordo tra il Governo Federale Brasiliano e cinque regioni italiane, tra cui la Regione Emilia-Romagna, capofila per le attività di appoggio al cooperativismo in Brasile.


Dal 2004, il Brasile e l'Italia hanno stabilito relazioni sempre più strette con la creazione del Senaes (Segreteria Nazionale di Economia Solidale) del Ministero del Lavoro. Legacoop iniziò la propria collaborazione con l'amministrazione dell'ex presidente Lula con l'intento di appoggiare l'attuazione di progetti rivolti al rafforzamento dell'economia solidale del paese. Attualmente sono in corso molti partenariati di sviluppo, soprattutto in Paranà.

 

In Brasile lo sviluppo del cooperativismo è relativamente recente ed ha trovato impulso, nelle aree urbane particolarmente, negli anni '90. Oggi, secondo i dati del Ministero del Lavoro Brasiliano, il paese conta 25mila cooperative per un valore della produzione di 48 miliardi di reais.


Alcuni link alla stampa brasiliana sull’evento:

http://www.oriundi.net/site/oriundi.php?menu=noticiasdet&id=22419
http://www.saobernardo.sp.gov.br/SECRETARIAS/sdet/cde/cde_noticia_completa.asp?ref=11051
http://www.abcdmaior.com.br/noticia_exibir.php?noticia=58414
http://canalcooperativo.com.br/formacao-em-cooperativismo-italiano-em-sao-bernardo-do-campo/
http://oficinasolidaria.blogspot.com.br/
http://www.metodista.br/noticias/2014/abril/metodista-recebe-evento-sobre-as-relacoes-cooperativistas-entre-brasil-e-italia/

http://www.tvt.org.br/watch.php?id=16171&category=202