Assemblea dei Delegati

9 marzo 2018 Auditorium Unipol Banca, Via della Costituzione 2, Bologna dalle 9.00 alle 13.30

Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

Comunicazione

martedì 12 febbraio 2013

Alberto Armuzzi: «Le nostre proposte per un settore che rappresenta circa il 70% del PIL nazionale e regionale»

Bologna, 12 febbraio 2013 - Un comparto, quello dei servizi, che attraversa un trend positivo e rappresenta circa il 70% del PIL italiano e dell’Emilia-Romagna, che necessita di alcuni interventi urgenti per consolidare le imprese e accompagnare il rilancio dell’economia: il presidente di Legacoop Servizi Emilia-Romagna, Alberto Armuzzi, in vista delle elezioni del 24 e 25 febbraio, si rivolge alle forze politiche proponendo una serie di interventi da mettere in cantiere con il prossimo Governo.

«Il settore ha bisogno da tempo di una serie di interventi – sottolinea Armuzzi –. Lo vogliamo ricordare a chi si candida alla guida del Paese perché assuma il sostegno alle imprese, in particolare a quelle dei servizi, come priorità. Da qui passa il rilancio dell’occupazione nella consapevolezza che attraverso i servizi passa una gran parte dell’ammodernamento del Paese e la sua capacità competitiva».

Le proposte riguardano gli incentivi alla crescita, tempi di pagamento certi nelle relazioni commerciali pubblico/privato, politica industriale dei servizi, interventi infrastrutturali, liberalizzazioni, esternalizzazioni e sussidiarietà, modifiche al Codice degli Appalti, Pubblica Amministrazione, semplificazione e Patto di stabilità, rappresentanza e rapporti con le istituzioni, regolarità e legalità del mercato, riforma e riqualificazione della spesa pubblica.

«Se attuate – ricorda Armuzzi – porterebbero al rafforzamento di questo comparto decisivo e l’allargamento dell’occupazione. Va inoltre ricordato che le cooperative svolgono un ruolo fondamentale in questo settore e costituiscono un importante deterrente a quelle pratiche illecite che tendono a drogare il mercato».

«Infine – osserva Armuzzi – va ricordato che è attraverso la collaborazione tra impresa e lavoro che si affrontano nel modo più efficace le criticità dovute all’andamento dell’economia. E la cooperazione è l’interprete più accreditato di questo tipo di esigenze».

Nel 2012, a Legacoop Servizi Emilia-Romagna aderivano 400 imprese cooperative, con oltre 70.000 addetti tra soci-lavoratori, soci-imprenditori e dipendenti diretti, con un fatturato globale su base regionale di 4,5 miliardi di euro.