Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

Associazione

martedì 6 maggio 2014

ACI Emilia Romagna: una presa di posizione contro le coop spurie

foto news

Le numerosi violazioni dei contratti e della dignità dei lavoratori che caratterizzano la cooperazione cosiddetta spuria – quella che non fa riferimento a nessuna delle Centrali Cooperative, non applica i contratti di lavoro più rappresentativi né tantomeno le leggi e le disposizioni di sicurezza sul lavoro – confermano la necessità, che l'Alleanza delle Cooperative Italiane va ripetendo da tempo, di combattere con fermezza e a ogni livello questo tipo di imprese.

«Siamo d'accordo con le organizzazioni sindacali quando esprimono la necessità di scelte forti e di un piano di interventi che porti a controlli mirati e severi – dichiarano il presidente e i co-presidenti di ACI Emilia-Romagna, Giovanni Monti, Francesco Milza e Massimo Mota –. L'elusione contributiva e fiscale, lo sfruttamento dei lavoratori, il dumping e la mancata applicazione delle più elementari norme di prevenzione danneggiano in primo luogo le cooperative vere, che si trovano a fronteggiare una concorrenza sleale, e che rischiano di vedersi accomunate a imprese che di cooperativo non hanno nulla».

Le Centrali Cooperative che hanno dato vita all'ACI hanno sempre applicato nei confronti delle proprie associate tutti gli strumenti messi a disposizione dall'ordinamento per promuovere il buon lavoro e la buona occupazione.



«Da tempo – insistono i rappresentanti dell’ACI Emilia-Romagna – chiediamo che gli enti preposti applichino effettivamente gli strumenti a loro disposizione sanzionando le cooperative che strumentalizzano il buon nome dell'impresa mutualistica per appropriarsi indebitamente di talune sue prerogative e per garantire l'illecito profitto di pochi».