Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

Associazione

martedì 8 luglio 2014

Da Reggio Emilia, Parma e Piacenza nasce Legacoop Nord Ovest

Le tre Direzioni provinciali di Legacoop Reggio Emilia, Parma e Piacenza hanno nei giorni scorsi ratificato il progetto di unificazione delle tre organizzazioni. Nascerà così in autunno, in concomitanza con il Congresso nazionale di Legacoop, una nuova struttura associativa: Legacoop Emilia Ovest. Questo percorso rientra nel progetto più ampio già avviato a livello di Legacoop Emilia-Romagna, che ha già visto nascere nei mesi scorsi la nuova struttura organizzativa nelle province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini: Legacoop Romagna.

Legacoop Emilia Ovest si è presentata con tre conferenze stampa che si sono svolte nelle sedi di Legacoop a Piacenza, Parma e Reggio Emilia con la partecipazione dei tre presidenti: Simona Caselli (Reggio Emilia), Andrea Volta (Parma), Maurizio Molinelli (Piacenza).

Il percorso di unificazione, che si è sviluppato a partire dal 2013, nasce da diverse motivazioni: innanzitutto quello rendere più forte, più utile e funzionale la struttura associativa e la propria rete di servizi in relazione ai nuovi bisogni ed alle mutate esigenze di tutela e rappresentanza delle cooperative associate e delle diversità esistenti al loro interno. La complessità del sistema economico e sociale e la complessità delle stesse cooperative impongono un innalzamento della qualità nei servizi erogati, delle competenze dell’organizzazione, e una capacità di capire tempestivamente le trasformazioni in atto.

“C’è infatti l’esigenza – hanno spiegato Caselli, Volta e Molinelli – di conseguire un più elevato livello di efficacia ed efficienza delle strutture associative, adottando schemi organizzativi che superino le sovrapposizioni seriali su base provinciale e adottino invece uno schema di relazione a rete, soprattutto per quel che riguarda l’erogazione di servizi, la promozione dellimpresa e della cultura cooperative e altre forme di assistenza. Vogliamo – aggiungono i tre presidenti – una nuova struttura che punti a rafforzare e mettere in comune i nostri punti di eccellenza, aumentando così la qualità della rappresentanza territoriale, e che superi confini territoriali che ormai in molte cooperative di Legacoop non hanno più senso. Si pensi a cooperative come Coop Consumatori Nordest, Conad, o altre che operano nel settore delle costruzioni, dei servizi, del sociale, dell’agroalimentare che hanno da tempo dimensione interprovinciale.

Legacoop Emilia Ovest rappresenterà 389 cooperative, diverse delle quali leader nei rispettivi settori a livello nazionale, cooperative che associano oltre 745.000.soci, che esprimono  complessivamente un valore della produzione di 7.794.789.232 euro, con 57.000 addetti. La sede legale sarà a Reggio Emilia, ma verranno mantenute le sedi operative di Parma e Piacenza.

“Vale per Legacoop – concludono Caselli, Volta e Molinelli – quello che vale per le cooperative: dobbiamo introdurre con più forza la politica del fare delle cose assieme perché solo così possiamo rispondere meglio alle esigenze sempre più complesse ed articolate delle nostre imprese e contribuire ad elaborare strategie di innovazione economica e sociale per le nostre comunità. Ecco perché con la nuova Legacoop Emilia Ovest vogliamo superare confini nei fatti non più esistenti e rafforzare il ruolo della cooperazione, di cui oggi l’Emilia e il nostro paese ha sempre più bisogno.”