Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

Associazione

giovedì 29 giugno 2017

Giornata internazionale della cooperazione, il 30 giugno convegno in Regione Emilia-Romagna

foto news

In Italia oltre un terzo del fatturato del mondo della cooperazione, il 35 per cento, è Made in Emilia-Romagna, regione dove le imprese cooperative, protagoniste tra mercato e solidarietà, sono oltre 5mila, occupano 238mila addetti rappresentando quasi il 15 per cento della forza lavoro emiliano-romagnolo.

Questa fotografia del mondo cooperativo fa da sfondo alla Conferenza regionale della cooperazione incentrata sul tema “Le cooperative assicurano che nessuno resti indietro”. L’appuntamento è fissato per venerdì 30 giugno a Bologna, a partire dalle ore 10, nella sala polivalente della Regione in viale Aldo Moro, 50. Ai lavori – presieduti dal professor Paolo Fava dell’Università di Bologna - interverranno Francesco Milza (in rappresentanza delle centrali cooperative Agci, Confcooperative, Legacoop e Unci), Marco Frey (presidente nazionale di Cittadinanzattiva e della Fondazione Global Compact Italia): la giornata sarà conclusa dall’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi.

Alcuni numeri

In Emilia-Romagna, dal 2011 al primo trimestre 2017, l'occupazione complessiva del sistema cooperativo, con 5.137 imprese, è aumentata del 3,6% ma, nello stesso periodo, il numero delle cooperative è diminuito del 4,1% per effetto di fusioni, accorpamenti e anche liquidazioni dimostrando la natura dinamica di questa forma d'impresa, protagonista tra mercato e solidarietà. Inoltre, tra il primo trimestre 2016 e il primo trimestre 2017, l'occupazione nelle cooperative, che conta complessivamente 237.979 addetti, è aumentata del 4,5%. Nella cooperazione sociale due terzi dell’occupazione sono femminili e l’80% degli addetti ha contratti a tempo indeterminato.