Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

Comunicazione

mercoledì 6 novembre 2013

Finale Rete regionale Bellacoopia


Ieri a Ravenna finale della Rete regionale Bellacoopia: primi gli studenti di Imola, poi Parma, Sant’Arcangelo, Castelnovo, Carpi, San Giovanni in Persiceto e Ravenna. Elaborato un sondaggio dal quale scaturirà il “manifesto dei ragazzi e delle ragazze per la sostenibilità”


Bologna, 6 novembre 2013 - Ha vinto Imola: è stato il progetto Syncar, una cooperativa che promuove il car sharing tra cittadini attraverso una piattaforma online, elaborato dalla V BS del Liceo Scientifico Valeriani, ad aggiudicarsi la lavagna interattiva multimediale donata dalla rete Bellacoopia, il network sostenuto da Legacoop Emilia-Romagna che da anni stimola gli studenti e le studentesse delle scuole secondarie di secondo grado nel progettare nuove imprese cooperative, alla premiazione avvenuta ieri a Ravenna.


Alle loro spalle si è piazzata la V C dell’ITC Melloni di Parma; e poi, via via: la IV E dell’ITC Molari di Sant’Arcangelo di Romagna, la IV F dell’ITI di Castelnovo ne’ Monti; la ex V E dell’Ipsia Vallauri di Carpi, la V A del professionale Malpighi di San Giovanni in Persiceto e la V C del professionale Olivetti-Callegari di Ravenna.
Alla premiazione hanno partecipato 150 ragazze e ragazzi: 7 classi finaliste più altre 3 accorse per non perdersi la festa della Finale della Rete regionale Bellacoopia.
«La Rete Regionale Bellacoopia stimola i giovani ad essere protagonisti e a dare corpo alle proprie idee imprenditoriali progettando nuove imprese cooperative – commenta Roberta Trovarelli, coordinatrice del progetto –. A questo, ora affianchiamo un sondaggio elaborato da giovani e rivolto ai giovani per costruire un insieme di proposte che, muovendo dal loro punto di vista, investano l’insieme della società».
In mattinata gli studenti hanno infatti preso parte a un laboratorio creativo sui temi dell’inclusione dei giovani nella società, cercando, in particolare, di dare risposta ad alcune domande: come rendere una città più inclusiva rispetto ai giovani? come dovrebbe essere la scuola perché sia utile al tuo futuro? come rendere accessibile il mondo del lavoro ai giovani? quale cultura e come avvicinarla alla propria vita? come valorizzare il tempo libero?
Si sono formati 10 tavoli con 15 ragazzi a tavolo che insieme a un tutor (messi a disposizione dalle cooperative Voligroup, Copas, La Rupe, Libra ) hanno preso in esame tutti i 5 argomenti della mattinata e ne hanno tirato fuori delle proposte che sono andate a comporre un sondaggio, dal titolo “Includiamo il futuro”, che resterà aperto on line sul sito Legacoop Emilia Romagna fino a giugno 2014. Dalle risposte si trarrà spunto per elaborare un Manifesto dei ragazzi sulla sostenibilità.
Alla giornata hanno preso parte l’assessore alle attività produttive del Comune di Ravenna, Massimo Cameliani, il presidente di Legacoop nazionale, Giuliano Poletti, Giancarlo Ciaroni per Legacoop Emilia-Romagna e Elena Zannoni per Legacoop Ravenna.