Assemblea dei Delegati

9 marzo 2018 Auditorium Unipol Banca, Via della Costituzione 2, Bologna dalle 9.00 alle 13.30

Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

Comunicazione

venerdì 22 marzo 2013

Sblocco dei pagamenti della P. A. verso le imprese.

Armuzzi: «Giudizio positivo, ma con cautela. Le forze poltiche si attivino per una approvazione rapida e perché i procedimenti siano snelli». 

 «Seppure con tutte le cautele del caso, è positiva l'iniziativa del Governo, a seguito del via libera della Commissione Ue, di sbloccare i crediti (40 mld di €. sui 70 mld di €. preventivati) che le imprese, fra queste le cooperative di lavoro e dei servizi, vantano dalla Pubblica Amministrazione, dagli Enti Locali e dalle ASL»: è questo il commento di Alberto Armuzzi, presidente di Legacoop Servizi dell'Emilia-Romagna.

«Anche se liquidati in due trance (20 mld di € nel 2013 e 20 mld di € nel 2014) – prosegue Armuzzi –, costituiscono un sollievo per le imprese cooperative che stanno affrontando una crisi economica e strutturale pesante e difficile».

Armuzzi auspica che i prossimi passaggi istituzionali - approvazione da parte del Parlamento della relazione predisposta dal Ministero dell'Economia, che indica i nuovi saldi di finanza pubblica e, successivamente il decreto che il  Governo dovrà varare con l'indicazione delle forme e modalità che regolano il pagamento, auspicando che siano le più snelle possibili  – siano rapidi e non trovino intoppi politico/burocratici, con il rischio di rendere vana la decisione del Consiglio dei Ministri.

«Faccio appello al senso di responsabilità di tutte le forze politiche affinché si attivino per una approvazione veloce della norma – conclude Armuzzi –: sarebbe un segnale positivo e di fiducia per il sistema imprenditoriale che, anche per effetto dei crediti non incassati, si trova ingessato e in difficoltà a superare la grave crisi economica».