Assemblea dei Delegati

9 marzo 2018 Auditorium Unipol Banca, Via della Costituzione 2, Bologna dalle 9.00 alle 13.30

Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

Abitanti

mercoledì 25 marzo 2015

Cooperativa consorzio servizi urbani: consegnati a Comacchio venti alloggi A e A+

foto news

Nei giorni scorsi, con la consegna di venti alloggi a locazione permanente del Lotto 1, si è concluso il primo livello dell’intervento di housing sociale e riqualificazione degli spazi pubblici realizzato nel quartiere Raibosola di Comacchio dalla Cooperativa Consorzio Servizi Urbani aderente a Legacoop Ferrara in collaborazione con il Comune di Comacchio.

L’housing sociale nasce a Ferrara negli anni Settanta, con l’obiettivo di favorire l’accesso alla casa a particolari categorie sociali. Oggi il problema torna di stringente attualità, visto l’allargarsi del bacino di coloro che non hanno sufficiente capacità di spesa e di risparmio per l’acquisto o la locazione di una casa secondo i canoni del libero mercato immobiliare. A Comacchio, ad esempio, la domanda è forte, con oltre cento persone in lista d’attesa con i requisiti per accedere alla locazione a canone agevolato.

«Conosciamo il mondo dei bandi pubblici sull’edilizia sociale – spiega Daniele Guzzinati, di Consorzio Servizi Urbani – e ci poniamo da sempre, insieme alla Cooperativa Castello, con la nostra storia di oltre 800 alloggi già realizzati e consegnati, come interlocutore per le amministrazioni pubbliche. Le venti abitazioni che abbiamo consegnato al Quartiere Raibosola, primo passo di un intervento molto più strutturato riguardante Comacchio, rispondono alle più avanzate normative in tema di risparmio energetico avendo una classificazione in classe A e A+».

Il programma complessivo equivale a un investimento di oltre cinque milioni di euro, con un contributo della Regione Emila Romagna del 50%.

«A distanza d un anno dall’apertura del cantiere – ha commentato il sindaco di Comacchio, Marco Fabbri – la consegna dei primi venti alloggi costituisce una risposta concreta alle domande sempre crescenti di edilizia pubblica. Da non sottovalutare, oltre alle finalità del progetto anche la tempestività di esecuzione, che merita apprezzamenti, tanto quanto la proficua collaborazione instaurata tra istituzioni, Regione, Comune e Università IUAV di Venezia, tutti aspetti determinanti per la rigenerazione urbana dell'intero villaggio Raibosola».

Gli altri alloggi che si andranno ad assegnare nei prossimi mesi, oltre alla creazione di nuove opere pubbliche, quali un campo da calcio, spazi di pubblica utilità, recupero di aree verdi, si inseriscono anch'essi nell'ambizioso progetto di riqualificazione che sta interessando il quartiere. «Alla Regione Emilia Romagna, che ha finanziato gli interventi, ai progettisti e ai ricercatori universitari che hanno collaborato – ha aggiunto il sindaco Fabbri – sono rivolti i nostri ringraziamenti per aver reso possibile la realizzazione di un progetto in linea con tecnologie all'avanguardia».