Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

Agroalimentare


referente

Cristian Maretti | T.051 509890 | invia una mail | sito web

Legacoop Agroalimentare Nord Italia è la struttura regionale dell'Associazione nazionale delle cooperative agroalimentari e rappresenta imprese cooperative attive nei diversi settori dell'agroalimentare e dello sviluppo rurale: produzione, trasformazione, commercializzazione delle produzioni agricole, fornitura servizi e mezzi tecnici, silvicoltura.
Nel quadro degli orientamenti comunitari tesi ad accrescere la competitività del settore, l'Associazione è impegnata a promuovere progetti di rete e di filiera per sostenere lo sviluppo delle cooperative aderenti. Con lo stesso scopo vengono studiate e proposte tutte le attività che possono favorire una crescita sana e virtuosa delle associate: integrazioni e fusioni per raggiungere adeguate economie di scala; partnership con la cooperazione agricola della Ue; strategie di internazionalizzazione; marketing strategico di valorizzazione della qualità e della origine dei prodotti.
A questo proposito, l'Associazione è attenta a dare ai consumatori garanzie certificate sulla qualità e sicurezza dei prodotti, grazie a controlli su tutti i segmenti della filiera - dalla produzione alla distribuzione finale - con informazioni trasparenti e codificate sulla tracciabilità nell'ambito del sistema di imprese cooperative aderenti.

martedì 3 settembre 2013

11 milioni di euro di indennizzo al Caseificio Razionale Novese

Giovanni Luppi: “Per il futuro chiediamo una politica che favorisca l’assicurazione preventiva contro le calamità naturali”
venerdì 10 maggio 2013

I risultati del progetto AQUA presentati a Bruxelles

Il 7 maggio presso il Parlamento Europeo si è tenuto l'evento conclusivo

In Emilia-Romagna sono state coinvolte 15 cooperative e si prevede, entro il 2016, di consumare l’11% in meno di acqua, corrispondente a 400.000 metricubi/anno.