Assemblea dei Delegati

9 marzo 2018 Auditorium Unipol Banca, Via della Costituzione 2, Bologna dalle 9.00 alle 13.30

Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

Produzione e Lavoro

Manutencoop, giovedì 16 maggio 2013

Il 16 maggio presso Manutencoop seminario sull'impegno dei lavoratori nell'impresa cooperativa

Promosso dalla Fondazione Barberini

"L'impegno dei lavoratori nell'impresa cooperativa e il confronto con l'impresa capitalistica" è il tema di un seminario promosso dalla Fondazione Ivano Barberini che si terrà il 16 maggio dalle 9.30 alle 13 presso la sede di Manutencoop in via Poli 4 a Zola Predosa.
Il seminario è stato organizzato d’intesa con le Associazioni nazionali delle cooperative  dei Servizi, delle Sociali e della Produzione e Lavoro.
 Avrà come base i lavori condotti dal Prof. Marcello Messori ed il Dott. Michele Alessandrini svolti attraverso una borsa di ricerca biennale data alla LUISS dalla Fondazione Ivano Barberini e pubblicati nei “Quaderni della Fondazione Ivano Barberini”.
 I due autori hanno sviluppato idee e modelli riattivando una riflessione teorica ed empirica da tempo rarefatta.
In grande sintesi, il confronto tra le due tipologie d’impresa è molto interessante perché recupera, anche attraverso l’uso di modelli matematici, l’idea che la partecipazione e l’autogestione nella cooperativa di lavoro non abbia un connotato ideologico, ma economico e di sviluppo della produttività.
 Il lavoro dimostra, infatti, che a parità di condizioni di finanziamento e di tecnologia con le imprese di capitali, le cooperative hanno (o possono avere) migliori performance di queste ultime.
 E proprio su questo “possono avere”, per le implicazioni che ne conseguono, che dovrà svilupparsi il dibattito nel corso del seminario ed in altri momenti successivi. 
Un tema cardine per la sopravvivenza della cooperazione di lavoro, che va affrontato con la profondità che l’argomento richiede. 
La presentazione dei lavori non prevederà l’esposizione dei modelli matematici utilizzati.