Assemblea dei Delegati

9 marzo 2018 Auditorium Unipol Banca, Via della Costituzione 2, Bologna dalle 9.00 alle 13.30

Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

Servizi

venerdì 22 febbraio 2013

Appello del settore Servizi ai candidati

Le proposte di Legacoop al Governo che verrà

Un comparto, quello dei servizi, che attraversa un trend positivo e rappresenta circa il 70% del PIL italiano e dell'Emilia-Romagna, che necessita di alcuni interventi urgenti per consolidare le imprese e accompagnare il rilancio dell'economia: il presidente di Legacoop Servizi Emilia-Romagna, Alberto Armuzzi, in vista delle elezioni del 24 e 25 febbraio, si è rivolto alle forze politiche proponendo una serie di interventi da mettere in cantiere con il prossimo Governo.

Le proposte riguardano gli incentivi alla crescita, tempi di pagamento certi nelle relazioni commerciali pubblico/privato, politica industriale dei servizi, interventi infrastrutturali, liberalizzazioni, esternalizzazioni e sussidiarietà, modifiche al Codice degli Appalti, Pubblica Amministrazione, semplificazione e Patto di stabilità, rappresentanza e rapporti con le istituzioni, regolarità e legalità del mercato, riforma e riqualificazione della spesa pubblica.

«Se attuate - ricorda Armuzzi - porterebbero al rafforzamento di questo comparto decisivo e l'allargamento dell'occupazione. Va inoltre ricordato che le cooperative svolgono un ruolo fondamentale in questo settore e costituiscono un importante deterrente a quelle pratiche illecite che tendono a drogare il mercato».

Nel 2012, a Legacoop Servizi Emilia-Romagna aderivano 400 imprese cooperative, con oltre 70.000 addetti tra soci-lavoratori, soci-imprenditori e dipendenti diretti, con un fatturato globale su base regionale di 4,5 miliardi di euro.