Assemblea dei Delegati

9 marzo 2018 Auditorium Unipol Banca, Via della Costituzione 2, Bologna dalle 9.00 alle 13.30

Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

Servizi

venerdì 9 agosto 2013

Pagamento dei debiti della PA. Armuzzi: bene Emilia-Romagna, altre Regioni seguano esempio

La vicepresidente della giunta, Simonetta Saliera: Sanità, liquidata oltre la metà dei crediti delle imprese di servizi
foto news

«L’impegno della giunta regionale dell’Emilia-Romagna, ribadito oggi dalla vicepresidente e assessora al Bilancio Simonetta Saliera, a liquidare entro il 23 agosto i crediti delle imprese verso il sistema sanitario pubblico, va salutato con favore: si tratta di un sollievo, ancorché lieve, per le imprese cooperative che operano nei servizi che vedono migliorare i flussi finanziari e di cassa. Consentirà di mantenere gli attuali livelli occupazionali che le cooperative hanno finora difeso erodendo il patrimonio e attraverso l’indebitamento con gli istituti di credito»: lo afferma Alberto Armuzzi, nella foto, presidente di Legacoop Servizi dell’Emilia-Romagna.

 

La vicepresidente Saliera ha comunicato oggi alle parti sociali che oltre la metà di quanto concordato tra Regione e Stato è già stata liquidata ai creditori, il restante verrà assegnato “obbligatoriamente e inderogabilmente entro il 23 agosto” aggiungendo che “l’utilizzo delle risorse pattuite con il Governo (448 milioni euro), cui si sono aggiunti i 244,5 milioni messi a disposizione dalla Regione con fondi propri, stanno consentendo di raggiungere l’obiettivo di tempi di pagamento non superiori ai 120 giorni”.

 

«Ci aspettiamo – ha commentato Armuzzi – che vengano rispettati anche gli impegni assunti per il 2014 dal Governo e dalle Regioni e chiediamo alle altre Regioni di seguire l’esempio dell’Emilia-Romagna affrettandosi a saldare i debiti verso le cooperative di servizi».