Assemblea dei Delegati

9 marzo 2018 Auditorium Unipol Banca, Via della Costituzione 2, Bologna dalle 9.00 alle 13.30

Alleanza delle Cooperative

Campagna e raccolta firme

XI Congresso Regionale

Mappa dei contenuti della relazione del presidente Giovanni Monti

Giovanni Monti

Presidente Legacoop Emilia Romagna

lavoro e welfare

sviluppo e promozione

relazioni

comunità e persone

Turismo

lunedì 2 dicembre 2013

Bari, grande successo della Borsa del Turismo cooperativo e associativo

Si è tenuta a Bari il 28 e 29 novembre 2013 la sesta edizione della Bitac, Borsa Italiana del Turismo Cooperativo e Associativo, organizzata da ACI Turismo con la collaborazione di Puglia Promozione e l'Organizzazione Internazionale del Turismo Sociale.
Per la prima volta la Borsa è stata organizzata in una città del Mezzogiorno, dopo cinque edizioni a Firenze.
Al workshop commerciale hanno preso parte 115 sellers e 69 buyers.
La Bitac è stata visitata da esponenti dei movimenti cooperativi bulgaro e turco e ha visto la presenza di associazioni francesi e belghe.
In particolare è stato presentato il portale eCalypso, dedicato al turismo sociale e cofinanziato dalla Commissione Europea. Legacoop ha preso parte alla realizzazione del portale ed è impegnata nel suo sviluppo.
I lavori sono stati aperti dal Responsabile di Legacoop Turismo Maurizio Davolio nel suo ruolo di Copresidente di ACI Turismo.
Presenti Il Presidente di ACI Turismo e di Federcultura Turismo Sport Lanfranco Massari, Fabrizio Pozzoli Vice presidente di OITS, Carlo Scarzanella Presidente di Culturalia, AGCI, e membro del Board dell'Alleanza Cooperativa Internazionale. Per Legacoop Turismo presenti Roberto La Marca e Pino Porcedda.
A latere si è tenuta la riunione delle cooperative che gestiscono strutture ricettive extralberghiere, come ostelli, rifugi, case per ferie, case vacanza per gruppi autogestiti, alberghi diffusi, colonie. La riunione è stata presieduta da Maurizio Davolio e ha consentito di far emergere i problemi e le aspettative delle cooperative, in particolare la messa in rete, lo scambio di esperienze, la formazione, la qualificazione delle strutture e dei servizi, la promozione e commercializzazione. Sarà insediato un gruppo di lavoro che si occuperà in particolare dei requisiti per far parte di una rete nazionale e dell'ipotesi di dar vita ad un portale di prenotazione e acquisto.
La giornata dedicata agli incontri commerciali è stata preceduta da due convegni, di cui uno dedicato ai prodotti turistici emergenti in Puglia (naturalistici, culturali, spirituali, enogastronomici) e l'altro dedicato al ruolo che le cooperative svolgono per lo sviluppo e la valorizzazione dei territori ove operano.
Nel primo convegno sono intervenuti fra gli altri l'Assessore al Turismo della Regione Puglia Silvia Godelli, la Presidente di Coopculture Giovanna Barni, il Coordinatore dei GAC Puglia Angelo Petruzzella, Responsabile Agricoltura e Pesca di Legacoop Puglia.
Nel convegno successivo ha tenuto la relazione introduttiva il Presidente di ACI Turismo Lanfranco Massari che ha illustrato il ruolo delle cooperative turistiche di aggregazione imprenditoriale sul territorio anche in una logica intersettoriale; intervenuta la Sottosegretaria al Turismo Simonetta Giordani, che si è soffermata in particolare sul turismo culturale; la Direttrice del CISET Mara Manente ha presentato una relazione sulle tendenze internazionali del turismo; Carlo Dellasega, Direttore della Federazione Trentina della Cooperazione ha rappresentato la realtà del distretto cooperativo trentino con particolare riferimento al turismo; Maurizio Davolio ha illustrato l'esperienza della cooperativa Briganti di Cerreto; Sonia Trampetti, di Ibimet CNR, ha presentato une ricerca sulla stessa cooperativa Briganti di Cerreto basata sui criteri di GSTC, Global Sustainable Tourism Council; il Direttore di ENIT Andrea Babbi ha parlato della promozione dell'Italia all'estero e del riposizionamento in atto in ENIT; ha concluso il convegno il Presidente di ACI Giuliano Poletti, che ha parlato delle particolari esigenze che hanno le piccole cooperative che operano in territori in declino economico, dei rapporti di collaborazione intercooperativi e dell'unità cooperativa.